adminpay

Breve descrizione

Quando il cliente richiede su Internet delle prestazioni a pagamento, per incassare il dovuto ci si trova immancabilmente di fronte ad un problema di sicurezza. Normalmente l'utente in linea non è sufficientemente identificato per richiedere l'emissione di una fattura. Se glielo si permette comunque ci si assume un rischio, ad esempio quello di spedire la fattura per una prestazione già erogata ad un indirizzo errato o magari inesistente. La soluzione che si profila è chiaramente il pagamento immediato via Internet, che però pone nuovi problemi: trovare una procedura di calcolazione e d'incasso che tenga conto della particolare realtà dell'amministrazione.

Grazie all'offerta adminpay della Posta svizzera Open eGov dispone di un innovativo sistema d'incasso ottimizzato per i bisogni dell'amministrazione, dal carico amministrativo ridotto al minimo e che assume esternamente i rischi legati alla riscossione del credito! E tutto ciò nel modo più semplice e sicuro per il cliente, che paga in tutta comodità e sicurezza con la carta di credito o di addebito.

Non solo adminpay è tagliato su misura per i bisogni delle amministrazioni e degli esercizi dal funzionamento simile, ma riduce straordinariamente, come mai prima d'ora è stato fatto, il carico amministrativo per le autorità.

Contrariamente a quanto avviene nelle soluzioni di pagamento alternative, con adminpay l'autorità riceve in qualsiasi caso i soldi dovuti per l'acquisto fatto dal cliente. Viene trattenuta unicamente una commissione forfettaria per la gestione dell'incasso.

Nelle soluzioni di pagamento usuali il prestatore di servizi in linea deve concludere autonomamente un contratto con gli istituti delle carte di credito; con adminpay ciò non è più necessario! Anche la contabilizzazione individuale, piuttosto soggetta ad errori, viene a cadere e le entrate vengono accreditate periodicamente.

Ambiti d'impiego

  • Ordinazione di un estratto del casellario giudiziale presso l'Ufficio federale di giustizia.

Temi

Validator

Ultima modifica 14.07.2020

Inizio pagina