sensLAB

Sensori di movimento e di presenza sul banco di prova

Con i rilevatori di movimento e di presenza i sistemi di illuminazione possono essere controllati in modo intelligente e secondo le necessità. In futuro, l'uso di sensori e l'approccio dell'illuminazione intelligente consentiranno un notevole risparmio energetico. Affinché questa automazione possa essere implementata anche in pratica, è necessario disporre di sensori affidabili. La fiducia nelle più recenti tecnologie dei sensori può essere rafforzata solo se sono disponibili parametri affidabili per tali sensori. Grazie a dati chiave di alta qualità dei sensori, la pianificazione basata su software di nuovi concetti di illuminazione intelligente all'esterno o all'interno può essere realizzata in modo più affidabile. Purtroppo, però, i parametri delle prestazioni dei sensori di presenza e di movimento sono oggi difficilmente comparabili tra loro, poiché ogni fabbricante ha bisogno di metodi di misurazione diversi e nel settore non esiste una procedura uniforme.

Per poter valutare e misurare questi sensori in modo affidabile, noti fabbricanti di sensori svizzeri ed europei si sono uniti per formare l'associazione sensNORM e hanno elaborato una proposta di standardizzazione con CECAPI. La domanda di standardizzazione è stata presentata alla Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC) ed è ora pubblicata con il numero IEC 63180:2020 [3]. La norma definisce e descrive le condizioni di misurazione e i parametri da determinare in modo da poter misurare automaticamente i sensori passivi a infrarossi (sensori PIR) disponibili in commercio.

 

 

Il METAS ha ora sviluppato il primo laboratorio di misurazione al mondo indipendente dai fabbricanti, che consente di misurare in modo completamente automatico i sensori di movimento e di presenza in conformità alla norma IEC 63180:2020 e alla prescrizione di prova sensNORM.

Per determinare i diagrammi di portata tangenziale e radiale, si utilizzano dei manichini montati su azionamenti lineari. Questi manichini simulano un corpo umano e sono dotati di elementi riscaldanti che mantengono la testa, il corpo e le gambe ad una temperatura costante prescritta dalla norma. Il sensore è fissato all'azionamento a soffitto, allineato parallelamente all'asse radiale, all'altezza di montaggio desiderata. Quando il sensore viene attivato, la posizione del manichino viene registrata e il campo di rilevamento radiale e tangenziale viene rappresentato in un diagramma polare. Il rilevamento dell'area di presenza viene determinato con un braccio di prova riscaldato e automatizzato, che riproduce il movimento dell'avambraccio di una persona. I risultati vengono poi visualizzati in un diagramma a griglia.


I dati di misurazione vengono in seguito approssimati con una forma geometrica idealizzata, ad esempio un cerchio, e vengono determinati i parametri (nel caso di un cerchio, il raggio) per i quali, secondo la norma, non è stato possibile constatare alcun rilevamento nel 15% dei punti di misurazione all'interno di questo cerchio.Tutti i risultati delle misurazioni vengono riassunti in un rapporto di misurazione digitale al fine di rendere i dati disponibili in formati comuni di dati per un'ulteriore elaborazione leggibile a macchina in programmi di pianificazione e progettazione.


L'ulteriore sviluppo dei sensori per il controllo della luce va nella direzione dei sensori attivi, che emettono radiazioni ultrasoniche o ad alta frequenza e che rilevano e analizzano nuovamente le radiazioni riflesse dall'ambiente. Per essere preparati agli sviluppi futuri di questi sensori attivi, l'impianto verrà ulteriormente sviluppato in tal senso.

sensLAB – Sensori di movimento e di presenza sul banco di prova

Ultima modifica 22.10.2021

Inizio pagina

Contatto

Istituto federale di metrologia
Laboratorio ottica
Lindenweg 50
CH-3003 Berna-Wabern
T +41 58 387 01 11
optik@metas.ch

Stampare contatto

https://www.openegov.admin.ch/content/metas/it/home/fabe/optik/sensLAB.html